giovedi` 21 marzo 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Chi sono veramente i palestinesi? Lo spiega lo storico Benny Morris (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






 
Zvi Mazel
Diplomazia
<< torna all'indice della rubrica
Senza clamore, Erdogan sta approfondendo il suo coinvolgimento in Sudan 11/12/2018

Senza clamore, Erdogan sta approfondendo il suo coinvolgimento in Sudan
Analisi di Zvi Mazel

(Traduzione di Angelo Pezzana)

https://www.jpost.com/Opinion/Erdogan-is-deepening-his-involvement-in-Sudan-573906

Immagine correlata
Recep Tayyip Erdogan

Perseguendo i suoi obiettivi strategici in Sudan, la Turchia ne affronta ora l’aspetto economico. Il 29 novembre, Bekir Pakdemirli, ministro turco per l'agricoltura e le foreste, mentre ne inaugurava gli uffici a Khartoum alcuni giorni prima, ha dichiarato al quotidiano sudanese Al Shuruk che il suo paese e il Sudan avevano sottoscritto una società agricola e zootecnica congiunta. TIGEM, la direzione generale delle imprese agricole della Turchia, ne detiene l'80% delle azioni e il Sudan il 20%. Secondo il ministro, come progetto pilota la compagnia assegnerà a società turche nel settore privato 12.500 ettari su 780000, che il Sudan ha accettato di affittare alla Turchia quando il presidente Erdogan ha visitato il paese nel 2017 per un periodo di 99 anni. Questi territori sono distribuiti su cinque distretti. Lo scopo del progetto pilota è studiarne le coltivazione ed esportarne la fattibilità. Secondo il ministro, aiuterà a sviluppare l'agricoltura sudanese fornendo al tempo stesso alla Turchia prodotti agricoli che non possono essere coltivati localmente a causa del clima. Quel prodotto non sarà tassato. La società è stata costituita in seguito all'accordo agricolo turco-sudanese firmato nel 2014 e che mirava a sviluppare il potenziale agricolo sudanese per la produzione di generi alimentari. Questo importante sviluppo pubblico dimostra la determinazione comune e a lungo termine di entrambi i paesi a consolidare le loro relazioni. Durante la visita di Erdogan del dicembre 2017, il Sudan aveva accettato di affittare l'isola di Suakin alla Turchia per un periodo indeterminato. La Turchia vi costruirà un porto, svilupperà l'agricoltura e ripristinerà la cittadella che fu per secoli la sede del governatore ottomano. L'isola è situata nel Mar Rosso di fronte al porto saudita di Jedda. Il presidente Erdogan sta usando il Sudan per stabilire un altro punto d'appoggio nel Mar Rosso per rendere la Turchia una potenza regionale e rinnovare così la gloria dell'impero ottomano. Una politica che ha iniziato ad attuare non appena arrivato al potere. Venne a Khartoum per la prima volta nel 2006, quando era a capo del governo, e le relazioni tra i due paesi continuarono a migliorare.

Immagine correlata

Ankara ha fornito il necessario aiuto economico quando gli Stati Uniti hanno imposto sanzioni a Khartoum e nell'ultimo decennio le aziende turche hanno investito centinaia di milioni di dollari in Sudan. Ma è stato durante la sua visita del dicembre 2017 che il presidente turco ha siglato il legame speciale tra i due paesi. Arrivato con un'impressionante delegazione di ministri e industriali, firmò non meno di dodici accordi di cooperazione economica per un totale di 650 milioni di dollari e venne costituito un alto comitato per le consultazioni strategiche. Un altro accordo riguardava la cooperazione in materia di sicurezza, di cui però non sono stati resi pubblici i dettagli; quello che si sa è che i comandanti in capo della Turchia, il Sudan e quello del Qatar ( arrivato a Khartoum durante i colloqui) si sono incontrati per riunioni riservate. Pochi giorni dopo arrivarono a Khartum i ministri della difesa di quei tre paesi; insieme al presidente Omar el Bashar venne inaugurata una fabbrica tessile che produce uniformi per i loro eserciti e per i vicini paesi africani. Nel marzo 2018 il ministro delle Finanze sudanese ha firmato con Soma, un'importante azienda di costruzione turca, un contratto per la creazione del nuovo aeroporto di Khartoum al costo di un miliardo e mezzo di dollari. Nel giugno dello stesso anno il comitato congiunto turco-imprenditori sudamericani si è riunito ad Ankara con la partecipazione dei ministri delle finanze e dell'economia di entrambi i paesi per firmare un accordo reciproco per promuovere il commercio con l'ambizioso obiettivo di raggiungere scambi di due miliardi di dollari; Durante i due anni precedenti il volume degli scambi per il periodo 2016-2017 era di appena 500 milioni di dollari l'anno, con le esportazioni turche che rappresentano il 90% del totale. Vi sono anche importanti aspetti internazionali della loro cooperazione. A causa dei suoi legami più stretti con la Turchia, Khartoum ha ridotto significativamente la sua partecipazione alla coalizione araba guidata dai sauditi contro gli Houthi nello Yemen. Allo stesso tempo, ha sviluppato i suoi legami con il Qatar, i cui investimenti in Sudan hanno raggiunto i 3,5 miliardi di dollari nel 2017. Ma la Turchia ha altri progetti oltre al Sudan. Ha creato una base militare in Somalia; inaugurato nell'ottobre 2017 è destinato "ad addestrare l'esercito somalo".

L'anno prima aveva stabilito una base simile in Qatar e successivamente inviato rinforzi per sostenere il piccolo regno impegnato in uno scontro con Emirati, Bahrein, Egitto e Arabia Saudita in quanto temeva un'invasione da parte di quest'ultimo. Quello che i tre paesi coinvolti nell'alleanza turca - Sudan, Somalia e Qatar - hanno in comune è che sono governati da partiti islamici vicini ai Fratelli Musulmani. La Turchia, a sua volta un forte sostenitore della Fratellanza, ne approfittò per rafforzare l'importanza strategica nell'area del Mar Rosso. Ora ha una base politica attraverso i suoi alleati e una presenza militare attraverso i suoi avamposti in Somalia e Sri Lanka e potrebbe quindi minacciare la libertà di navigazione nel Mar Rosso. Per come stanno le cose oggi non ha motivo di farlo, ma ha dimostrato che dovrebbe essere preso in considerazione anche se apparentemente lontano dai suoi confini. Egitto e Arabia Saudita, combattendo contro i Fratelli Musulmani, sono preoccupati, ma non possono contrattaccare perché coinvolti in altri conflitti. L'Arabia Saudita deve affrontare la minaccia dell'Iran e la lunga guerra in Yemen contro gli Houthi; L'Egitto non ha ancora represso l'insurrezione in Sinai e sta cercando di attuare le riforme economiche necessarie, per cui non sono pronti per uno scontro con la Turchia. Il Cairo teme un deterioramento delle proprie relazioni con il Sudan poiché ha bisogno dell'aiuto di quel paese nei suoi sforzi per preservare la sua quota delle acque del Nilo, minacciata sia dalle rivendicazioni di altri paesi africani sia dalla massiccia diga di enormi proporzioni in costruzione dall'Etiopia su uno degli affluenti del Nilo Azzurro. Anche se Riyadh e Il Cairo si stanno comportando finora con circospezione, la diga è un reale potenziale per una riacutizzazione regionale che si espanderebbe rapidamente in tutto il Medio Oriente.


Zvi Mazel è stato ambasciatore in Svezia dal 2002 al 2004. Dal 1989 al1992 è stato ambasciatore d’Israele in Romania e dal 1996 al 2001 in Egitto. È stato anche al Ministero degli Esteri israeliano vice Direttore Generale per gli Affari Africani e Direttore della Divisione Est Europea e Capo del Dipartimento Nord Africano e Egiziano. La analisi di Zvi Mazel sono pubblicate in esclusiva in italiano su Informazione Corretta


Clicca qui per stampare questa pagina
Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT