mercoledi` 12 dicembre 2018
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Parla il Gen. Yossi Kuperwasser: 'Ecco le prospettive strategiche per il Medio Oriente' (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






 
Zvi Mazel
Diplomazia
<< torna all'indice della rubrica
Un appello disperato agli egiziani per abbassare il tasso di natalità... proveniente da un egiziano 02/11/2018

Un appello disperato agli egiziani per abbassare il tasso di natalità... proveniente da un egiziano
Analisi di Zvi Mazel

(Traduzione di Angelo Pezzana)

https://www.jpost.com/Opinion/A-desperate-call-to-lower-the-Egyptian-birth-rate-from-an-Egyptian-570920

Immagine correlata
Wassim Al Sisi

Wassim Al Sisi, un illustre egiziano professore di medicina, ha preso l'insolita decisione di pubblicare su "Al Masry al Yom" – un diffuso quotidiano popolare - un appello disperato ai suoi concittadini: il tasso di natalità che oggi si attesta al 2,5% annuo ed è tra i più alti del mondo deve essere ridotto perché sta mandando fuori controllo il paese, mettendo in pericolo gli sforzi per riformare l'economia. Tradotto liberamente, ecco alcuni dei punti principali di ciò che ha scritto sotto il titolo provocatorio "Quale sarebbe il tema principale dei miei sermoni se fossi un imam". "Cari compatrioti, sapete che i numeri possono comunicare un messaggio importante. Oggi gli egiziani sono cento milioni e ci sono due milioni e trecentomila nuove nascite l'anno. Sicuramente sapete che nessuna crescita economica può svilupparsi con una popolazione in crescita esponenziale. Potremmo essere duecento milioni in pochi decenni. Sostenete che il Profeta - la pace sia su di lui - ci ha detto di moltiplicarsi per potersi vantare di essere il paese più grande fino al giorno della risurrezione. Il califfo Omar Al Khatib disse allora i musulmani erano pochi, ma oggi sono molti; e il Profeta - La pace sia su di lui - ha anche detto di temere l'uomo che agisce in modo da danneggiare anche se stesso. Alla domanda su cosa intendesse, rispose: pochi soldi e molti bambini. Miei connazionali, dite che la pianificazione della famiglia è vietata dalla Sharia. Io vi dico che spargere il seme fuori dall'utero è l'unica via aperta agli arabi per pianificare una famiglia. Mentre discutete su questo tema sul Profeta - La pace sia su di lui - uno dei vostri compagni ha detto che spargere il seme – un esempio orribile - era come seppellire una bambina viva [un'antica pratica araba che precede l'Islam]. Un altro rispose che non era così poiché quella antica pratica era accompagnata da benedizioni rituali. Secondo la Sharia, prima che venisse creato l’ essere umano, c'è stato un lungo cammino che inizia con l'argilla e il seme è un elemento all’inizio di questo processo, in modo che il suo spargimento non sia un pericolo per gli esseri umani. Un altro ha detto, hai ragione, l'Islam non lo proibisce. Il professore continua: cari compatrioti, l'Islam permette di pianificare la famiglia spargendo semi al di fuori dell'utero e oggi ci sono altri metodi più semplici per questo fine. Perché non usarli? Il Profeta - La pace sia su di lui - vuole essere orgoglioso di noi come nazione che ragiona con intelligenza, non perché molto popolata. Guardate Israele – sono solo otto milioni e hanno sconfitto trecento milioni di arabi. Nel 1950 c'erano quattro milioni di abitanti in Danimarca e in Egitto. Oggi ci sono otto milioni in Danimarca e cento milioni in Egitto. Singapore blocca gli assegni familiari a partire dal terzo figlio, in Cina dal secondo. Indira Gandhi ordinò che gli uomini venissero sterilizzati dopo due figli. In Inghilterra la popolazione è rimasta stabile per cinquanta anni. In Francia sta diminuendo. Se continuiamo a riprodursi come conigli moriremo come conigli, incoscienti, poveri e malati. È molto preoccupante che coloro che hanno accesso all'educazione e al benessere economico abbiano al massimo due o tre figli, mentre le persone povere, prive di istruzione e denaro ne hanno molti. Il professor Al Sisi conclude la sua richiesta con una richiesta di leggi per regolare la pianificazione familiare, anche severe, perché ciò che sembra essere crudeltà nei confronti di un individuo irresponsabile è in realtà una forma di compassione per la società nel suo insieme ".

Immagine correlata
Abdel Fattah Al Sisi

In passato ci sono stati in Egitto diversi tentativi di abbassare il tasso di natalità in, e continuano oggi anche se senza grande successo. Già nel 1975 il presidente Sadat istituì un comitato di pianificazione familiare mentre sua moglie Jihane si era dedicata alla sua diffusione, attraverso una massiccia informazione attraverso i media; viaggiò per tutto il paese, incontrò gli anziani dei villaggi e i religiosi islamici. Inutilmente. Questi ultimi si sono tutti schierati contro di lei, sostenendo che si trattava di uno stratagemma occidentale per danneggiare l'Islam e dichiararono che la pianificazione familiare era proibita. Sebbene ci sia stato un leggero calo nel tasso di natalità, non è poi durato. Oggi il numero di nuove nascite ogni anno sta vanificando gli sforzi del governo per modernizzare e sviluppare l'economia. Il presidente Abdel Fattah al Sisi, che concentra i suoi sforzi sulle riforme economiche, sa fin troppo bene quanto sia grave il problema. Subito dopo la sua elezione ha lanciato una nuova campagna per abbassare il tasso di natalità. Nel 2015, nel corso di una conferenza sui problemi interni del paese, ha dichiarato che bisognava fermarsi a tre figli; ha anche ottenuto un tiepido sostegno da Sheikh al Azhar, che ha affermato che l'Islam non proibisce la pianificazione familiare. Il primo ministro e i suoi esperti fanno del loro meglio per spiegare la situazione alla popolazione e ripetono che è imperativo limitare la dimensione della famiglia, organizza discorsi con gli imam nelle moschee, dà vita a corsi di informazione dove vengono distribuiti gratuitamente i contraccettivi. Finora senza successo: non vi è alcun cambiamento tra la gente. L'establishment religioso non collabora e lo sceicco Al Azhar si astiene dall’intervenire apertamente con più forza perché ha paura di essere giudicato contrario alla Sharia e di aprire le porte a riforme di vasta portata in altri settori. Il presidente Sisi può vantare eccellenti risultati economici da quando ha attuato riforme finanziarie fondamentali e ha adattato le leggi economiche ai mercati moderni. L'Egitto ha visto una crescita del 4% negli ultimi due anni e il 5% è atteso nei prossimi. Tuttavia, senza alcuna riduzione del tasso di natalità, quelle riforme non cambieranno la situazione. Il paese ha bisogno oggi di una crescita del 7% per i prossimi 15 o 20 anni per compensare la mancanza di progresso economico nel passato e l'alto tasso di natalità. Un obiettivo impossibile. Da qui l'urgenza di ridurre il numero delle nascite. Questo è il motivo per cui il professor Al Sisi ha preso una iniziativa così chiara e pubblica. Si è concentrato sugli stili di vita egiziani che sono ancora basati sulla Sharia, cercando di dimostrare che c'erano metodi pratici e relativamente facili da adottare per una pianificazione familiare non proibita dall'Islam. Il suo appello sarà ascoltato? È tutt'altro che sicuro. I paesi europei, così solleciti a giudicare l'Egitto sulla base dei valori occidentali, senza considerare il peso della cultura araba musulmana che ha modellato l'Egitto negli ultimi 1400 anni, farebbero bene a informarsi con l’aiuto del libro del professore prima di esprimere giudizi sul popolo egiziano.


Zvi Mazel è stato ambasciatore in Svezia dal 2002 al 2004. Dal 1989 al1992 è stato ambasciatore d’Israele in Romania e dal 1996 al 2001 in Egitto. È stato anche al Ministero degli Esteri israeliano vice Direttore Generale per gli Affari Africani e Direttore della Divisione Est Europea e Capo del Dipartimento Nord Africano e Egiziano. La analisi di Zvi Mazel sono pubblicate in esclusiva in italiano su Informazione Corretta


Clicca qui per stampare questa pagina
Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT