mercoledi` 12 dicembre 2018
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Parla il Gen. Yossi Kuperwasser: 'Ecco le prospettive strategiche per il Medio Oriente' (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






 
Zvi Mazel
Diplomazia
<< torna all'indice della rubrica
Cinque anni dopo la rivoluzione: il Presidente Sisi sta vincendo la battaglia? 16/07/2018

Cinque anni dopo la rivoluzione: il Presidente Sisi sta vincendo la battaglia?
Analisi di Zvi Mazel

(Traduzione di Angelo Pezzana)

https://www.jns.org/

Immagine correlata
Abdel Fattah Al Sisi

Le ultime settimane hanno portato notizie positive in Egitto. La lotta contro il terrorismo islamico sembra proseguire bene e le riforme sociali ed economiche stanno iniziando ad ottenere risultati anche se la leggi pesanti del presidente hanno suscitato critiche. In un discorso televisivo del 30 giugno in occasione del quinto anniversario degli eventi del 2013 che hanno portato alla caduta del regime dei Fratelli Musulmani, il presidente Abdel Fattah al Sisi ha affermato che è stata la "rivoluzione giusta", non come le dimostrazioni del gennaio- febbraio 2011 che hanno fatto cadere Mubarak nel corso della cosiddetta primavera araba. Quelle dimostrazioni hanno messo in pericolo la stabilità politica e la sicurezza personale e hanno portato all'aumento del terrorismo e al collasso dell'economia- ha affermato- ma abbiamo lavorato con successo per correggere quei pericoli con l'aiuto delle forze di sicurezza e il sostegno della popolazione. Il presidente afferma di aver salvato il paese dall'istituzione di una dittatura islamica e di aver ristabilito la stabilità, ma tutto questo ha avuto un prezzo elevato. Centinaia di sostenitori dei Fratelli Musulmani sono stati uccisi durante violente manifestazioni. Tuttavia, non ha mai perso di vista il suo obiettivo di sviluppare l'economia e non ha esitato ad affrontare riforme dolorose ma necessarie. Il terrore islamico nella penisola del Sinai è ancora il principale scoglio dopo quattro anni di aspri combattimenti contro i militanti del "distretto del Sinai dello stato islamico". Lo scorso febbraio il presidente ha lanciato l'operazione "Sinai 2018" per sradicare l'organizzazione e inviato rinforzi ai distaccamenti del secondo e terzo battaglione già presenti. Centinaia di terroristi sono stati uccisi, posti di comando e centri di comunicazione sono stati distrutti, sono stati scoperti nascondigli di esplosivi e sequestrati centinaia di veicoli e motociclette. Ciò ha comportato un drastico calo delle attività terroristiche, ma non ha sradicato lo stato islamico. Abdel Fattah al Sisi non può permettersi di ridurre le sue truppe la cui presenza è continua nella Penisola, anche se rappresenta un grave deficit per il bilancio della Difesa, impedendo nel contempo un ritorno alla vita normale nell'area.

Immagine correlata

Lungo il confine è stata creata una zona cuscinetto larga cinque chilometri per isolare il Sinai dalla striscia di Gaza con il trasferimento di centinaia di famiglie. In alcune parti del Sinai settentrionale è in vigore un coprifuoco notturno, che però ostacola la consegna della necessaria fornitura di beni e medicine ai civili. Le scuole e gli istituti di istruzione superiore sono stati chiusi per prevenire attacchi terroristici. Tuttavia, c'è stato un cambiamento nell'atteggiamento della popolazione prevalentemente beduina, tradizionalmente sospettosa nei confronti del governo centrale, che ora si sta unendo alla lotta contro i militanti jihadisti dopo l'attacco mortale alla moschea di Rawda lo scorso novembre che ha ucciso 311 uomini e donne in preghiera. Le tribù beduine stanno ora collaborando con l'esercito. All'inizio di questo mese due leader di alto rango del "distretto del Sinai" si sono arresi dopo una lunga battaglia nella città di Rafah. Questo è stato apparentemente mediato dall'Unione delle tribù del Sinai, che aveva chiesto ai jihadisti di arrendersi. Alcune delle misure di sicurezza più severe vengono ora revocate e una certa normalizzazione sta tornando nella regione. La Fratellanza Musulmana rimane una minaccia, anche se di basso livello.

Cinque anni dopo la loro estromissione dal potere e la violenta repressione delle loro manifestazioni, i Fratelli Musulmani rifiutano ancora di accettare la loro sconfitta e chiedono il rilascio di Mohammed Morsi come precondizione per iniziare i colloqui con il nuovo regime. Gli eventi del 2011 li avevano spinti al potere dopo 80 lunghi anni durante i quali erano stati dichiarati due volte fuorilegge, i leader giustiziati e i militanti arrestati a migliaia. Nel 2012 il loro primo partito politico "Libertà e giustizia" aveva vinto le elezioni parlamentari e il loro candidato, Mohammed Morsi, era stato eletto presidente. Appena un anno dopo il parlamento è stato sciolto per ragioni tecniche e Morsi è stato estromesso e poi arrestato in seguito a massicce proteste popolari con milioni di egiziani che sono scesi in piazza con il sostegno dell'esercito guidato dal generale Sisi, che all'epoca era ministro della difesa. Oggi la Fratellanza è in gravi difficoltà. È stato dichiarato fuorilegge come un'organizzazione terroristica e migliaia di suoi membri sono stati arrestati; il suo partito politico e le sue organizzazioni affiliate sono state sciolte e tutte le attività proibite. I suoi uffici e beni sono stati sequestrati e un recente decreto presidenziale consente la confisca dei beni privati dei membri che sono stati arrestati e condannati non appena la loro sentenza diventa definitiva. La maggior parte dei loro leader è in carcere, accusati di tradimento e violenza contro i cittadini. Questo è il caso dell'ex presidente Morsi, del leader supremo del movimento Muhamad Badi’e e dei suoi deputati Khairat el Shater e Rashid el Bayomi, nonché di altre personalità di spicco ben conosciute nel mondo arabo. Morsi e Badi'e sono già stati condannati a vari ergastoli persino a morte, ma i loro appelli sono ancora in sospeso. Alcuni membri di basso rango pur essendo in grado di organizzare un minimo di attività, sono sotto stretta sorveglianza, i loro uffici chiusi e loro arrestati. I pochi leader che sono riusciti a fuggire hanno cercato rifugio in Turchia e in Qatar, paesi che sostengono la Fratellanza. In questa fase e a tutti gli effetti, l'organizzazione è crollata. Mahmoud Ezzat, uno dei deputati del Leader Supremo, ha evitato l'arresto e si è presumibilmente nascosto in Egitto, dove sta tentando di mantenere lo status di leader sperando in tempi migliori per la Fratellanza, ma senza alcun successo, perché la situazione caotica in cui si trova.

I militanti più giovani in cerca di vendetta, hanno trovato il loro capo in Mohammad Kamal, che aveva cercato di riorganizzare le fila della Fratellanza, ma hanno fallito, formando due gruppi violenti - Liwa al T'awra (Vessillo della Rivoluzione) e Hism (decisione) - che ha preso di mira le forze di sicurezza e personaggi in vista, effettuando operazioni terroristiche al Cairo e un po’ in tutto l’Egitto. Kamal è stato ucciso nell'ottobre del 2016 in un raid della polizia al Cairo, ma il gruppo Hism è ancora attivo. L'organizzazione ha difficoltà a reclutare nuovi membri; non è più in grado di lanciare proteste come negli anni 2015-2016. I tentativi di riconciliazione sono falliti, il presidente Sisi era anche disponibile, ma non vedendo più la Fratellanza come una minaccia immediata, aveva rifiutato tutte le precondizioni, tra cui la liberazione di Morsi dal carcere. Sarebbe tuttavia un errore liquidare un movimento che ha mostrato in passato notevoli poteri di recupero e il suo obiettivo finale. Il ritorno alle fonti dell'Islam e l'istituzione del califfato esercita ancora un potente seguito in Egitto e in altri paesi arabi paesi in cui i partiti politici affiliati alla Fratellanza Musulmana stanno avendo un successo significativo. Il presidente è ben consapevole che sarà sulle sue conquiste economiche e sociali che sarà giudicato. La popolazione ha già raggiunto cento milioni e un milione si aggiunge ogni sei mesi; al 3,3% il tasso di natalità rimane elevato. La maggior parte della gente guadagna meno di due dollari al giorno che li pone al di sotto della soglia di povertà definita dall'ONU. Sarebbe necessaria una crescita del 7-8% all'anno per diversi anni per compensare l'alto tasso di natalità e i danni causati all'economia dai governi precedenti. La prima strategia di Sisi consisteva nel lanciare mega progetti infrastrutturali per incoraggiare gli investimenti e portare a una crescita economica significativa. Scoprì rapidamente che, sebbene fosse davvero la cosa giusta da fare, ci sarebbe voluto troppo tempo per realizzarla e i suoi effetti fossero sentiti dalle persone che avrebbero continuato a soffrire fino a perdere la fiducia nel loro presidente. Nel frattempo, il turismo, a lungo la principale fonte di valuta - circa 12 miliardi di dollari all'anno - è stato gravemente colpito da una serie di attacchi terroristici. Il presidente si è rivolto a malincuore al Fondo Monetario Internazionale per un prestito intermedio fino a quando i suoi progetti non si saranno concretizzati. Un obiettivo per dimostrare che non aveva altra scelta se non soddisfare le richieste del Fondo, anche se sapeva che avrebbero causato disagi all'inizio su ampi segmenti della popolazione.

Il prestito di 12 miliardi di dollari a un tasso di interesse molto basso ora dipende dall'attuazione di riforme di ampia portata; in passato il presidente Mubarak si era rifiutato di accettare condizioni simili che riteneva avrebbero messo in pericolo il suo regime e "insultato l'onore nazionale". Sisi li ha fatti propri alla lettera: facendo fluttuare la sterlina egiziana, introducendo l'IVA, riducendo progressivamente le sovvenzioni sul prezzo di gas e benzina. Ha poi fatto approvare leggi per liberalizzare il commercio e gli investimenti, ponendo fine agli ingombranti processi burocratici nati dalla politica di nazionalizzazione di Nasser che scoraggiava i potenziali investitori. Questo ha provocato una inflazione che ha raggiunto il 30% e con l'aumento dei prezzi ha causato disordini che però finora non hanno portato a proteste popolari. Gli egiziani brontolano, ma sono pronti ad aspettare. Per quanto dolorose, le riforme hanno avuto risultati positivi relativamente veloci. Nel corso degli ultimi due anni gli investimenti esteri sono cresciuti e il PIL è aumentato di un impressionante 4%; il governo si aspetta fiduciosamente che arriverà al 5% nel 2019 e alla fine raggiungerà l'8%. L'inflazione è di poco diminuita e la disoccupazione sta lentamente calando. L'Egitto ha finora superato con successo tre indagini mandatarie condotte dal Fondo, l'ultima a maggio; secondo un rapporto del FMI pubblicato di recente, l'attuazione delle riforme è stata soddisfacente e ha portato alla crescita economica, abbassando la disoccupazione e diminuendo il disavanzo esterno e interno. Anche i grandi progetti stanno iniziando a dare i loro frutti. Come risultato del raddoppio del Canale di Suez, fiore all'occhiello delle riforme del presidente, le entrate di transito hanno raggiunto livelli senza precedenti negli ultimi sei mesi. La costruzione del "Nuovo Cairo" - la futura capitale politica e amministrativa del paese - situata tra il Cairo storico e il Canale di Suez, procede a ritmo sostenuto. Il completamento del primo distretto, dove saranno ospitati i ministeri, è programmato per la seconda metà del 2019. Non meno di 57.000 funzionari pubblici dovrebbero lasciare il Cairo e trasferirsi nella nuova capitale, un'incarnazione dell'urbanismo moderno che utilizza energie rinnovabili che è dovrebbe servire come modello per il resto del paese. Liberalizzare le concessioni per la ricerca di gas naturale e petrolio ha portato a risultati notevoli come la scoperta di "Zohr", il più grande giacimento offshore di gas naturale nel Mediterraneo orientale, dall'italiana ENI; è già in produzione e fornisce in grande quantità gas ai cittadini egiziani. Sono in corso decine di progetti minori, come la pavimentazione di migliaia di chilometri di nuove strade, la bonifica di un milione e mezzo di Feddan per renderli adatti all'agricoltura, la ristrutturazione dei grandi Silos, dove prima andava perduto il 30% del grano raccolto; incoraggiare le piccole e medie industrie e persino costruire università.

Mustafa Madbouli, che è stato nominato capo del governo lo scorso mese dopo la rielezione del presidente Sisi, ha annunciato che l'85% delle riforme economiche era già stato attuato e che il popolo egiziano avrebbe presto visto migliorare la propria situazione. Ha aggiunto che sono in programma altre riforme di vasta portata in materia di sicurezza sociale, salute, ricerca scientifica e costruzione di infrastrutture sportive e per il tempo libero. Complessivamente un programma ambizioso che richiederà tempo, molto lavoro e notevoli investimenti. Riuscirà l'Egitto a realizzarlo? Ciò che è stato raggiunto fino ad ora è incoraggiante, anche se deve ancora essere assimilato da una popolazione fortemente colpita dall'aumento dei prezzi, ma che, forse per mancanza di scelta, sta mantenendo la fiducia al proprio presidente. Questo enorme sforzo è stato accompagnato da un ruolo ancora più grande dall'esercito, che probabilmente controlla oggi un terzo dell'economia. Ancora più preoccupante è il record di Sisi sui diritti umani. migliorerà con il miglioramento della situazione della sicurezza e dell'economia? La costruzione della "diga rinascimentale" dell'Etiopia su uno degli affluenti del Nilo Azzurro dovrà essere attentamente monitorata per il suo potenziale distruttivo sull'economia egiziana. Presenta una minaccia diretta alla fornitura di acqua del paese, che attinge il 95% del suo fabbisogno da quel fiume. Le discussioni tra i due paesi sono in corso da un certo numero di anni senza finora nessuna svolta e il completamento della mega diga è previsto per il prossimo anno. Riempirlo significherà un'enorme perdita d'acqua per l'Egitto, con risultati catastrofici sulla produzione di elettricità e sull'agricoltura? La Russia si è impegnata a finanziare la costruzione di quattro impianti nucleari per la produzione di energia elettrica, riducendo l'impatto della diminuzione della quantità di acqua prevista per raggiungere la diga di Assuan, principale fornitore di energia elettrica del paese, ma per quanto riguarda l'agricoltura? Se non si trova una soluzione, c'è un rischio reale di confronto, dal momento che per l'Egitto tagliare l'approvvigionamento idrico sarebbe un casus belli. Vale la pena ricordare che il presidente Sisi si sta astenendo dall'intervenire nei numerosi conflitti della regione. Pur essendo un partner nella coalizione americana contro lo Stato islamico e nella coalizione araba guidata dall'Arabia Saudita combattendo nello Yemen, l'Egitto non partecipa attivamente, dedicando le proprie energie alla propria sicurezza e ai problemi economici. Tuttavia, dal suo insediamento, il generale presidente si è impegnato nell'acquisto di grandi quantità di armi, aerei e navi da guerra, probabilmente perché crede che l'Egitto potrebbe essere trascinato in una guerra in un Medio Oriente sempre più instabile. Per questo vuole assicurarsi di essere pronto . Per riassumere, anche se i problemi economici non sono ancora risolti, il presidente Sisi sembra aver vinto metà della battaglia e portato a termine con successo riforme dolorose. Ciò che resta ancora da vedere è se porteranno l’Egitto verso una nuova e moderna economia.


Zvi Mazel è stato ambasciatore in Svezia dal 2002 al 2004. Dal 1989 al1992 è stato ambasciatore d’Israele in Romania e dal 1996 al 2001 in Egitto. È stato anche al Ministero degli Esteri israeliano vice Direttore Generale per gli Affari Africani e Direttore della Divisione Est Europea e Capo del Dipartimento Nord Africano e Egiziano. La analisi di Zvi Mazel sono pubblicate in esclusiva in italiano su Informazione Corretta


Clicca qui per stampare questa pagina
Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT