lunedi` 18 novembre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Chi sono veramente i palestinesi? Lo spiega lo storico Benny Morris (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






 
Zvi Mazel
Diplomazia
<< torna all'indice della rubrica
Egitto: frattura fra i Fratelli musulmani in un clima di crescente anarchia 31/05/2011

Egitto: frattura fra i Fratelli musulmani in un clima di crescente anarchia
di Zvi Mazel

da The Jerusalem Center for Public Affairs
(traduzione di Angelo Pezzana) 


Zvi Mazel      Fratelli Musulmani

La situazione economica, sociale e politica in Egitto si sta facendo sempre più difficile, mentre in un clima di grande insicurezza, i cittadini acquistano armi e si proteggono con l’uso di milizie private. Sono in aumento gli scontri di islamisti contro copti e laici. Il Consiglio militare al potere non riesce a tenere testa alle molte sfide, mentre l’Egitto viene giudicato alla vigilia di una guerra civile. 

Nei primi tre mesi dell’anno l’economia egiziana è crollata del 7%. Mohammed El Baradei, già direttore dell’Agenzia internazionale atomica e candidato alla presidenza, ha dichiarato di recente alla CNN che “ l’Egitto si sta socialmente disintegrando, e anche economicamente siamo in pessime condizioni. Politicamente è come essere in un buco nero, senza sapere dove andremo a finire”. 

Il Fondo monetario internazionale (FMI), l’Arabia Saudita e gli Stati Uniti hanno promesso aiuti finanziari all’Egitto. Ma questo aiuto non risolverà i problemi strutturali dell’economia egiziana, che si basa essenzialmente su agricoltura e turismo, in mancanza di strutture avanzate industriali e high-tech. In queste condizioni ci si deve attendere un ancora maggiore deterioramento delle condizioni dell’economia, il che favorirà senza alcun dubbio i partiti estremisti, in primo luogo i Fratelli Musulmani. 

I leader della rivolta e i partiti dell’opposizione laica ritengono che il Consiglio militare non sia pronto  a realizzare vere riforme, per questo si muove con molta cautela. Il 27 maggio c’è stato in tutto l’Egitto un secondo “venerdì di rabbia”, per fare pressione sul Consiglio, e in modo particolare sul suo leader, il generale Mohammed Tantawi. I Fratelli Musulmani avevano annunciato che non avrebbero preso parte alle manifestazioni, approfondendo così la divisione con l’opposizione laica. Ma, tra la sorpresa generale, la “giovane guardia” del loro movimento decise di partecipare, contro la volontà del leader supremo. E’stato questo il primo segno di una rottura all’interno dei Fratelli Musulmani, conosciuti per l’intransigente gerarchia e la totale obbedienza ai suoi leader sin dalla loro fondazione 83 anni fa. 

Il nuovo, rivoluzionario Egitto si troverà di fronte a molti anni di contrapposizioni prima che si affacci un regime nuovo e democratico, basato sulla libertà di parola, diritti umani,liberazione della donna e tolleranza religiosa verso i copti. 

Zvi Mazel è stato ambasciatore in Romania,Egitto e Svezia. Fa parte del Jerusalem Center fo Public Affairs. Collabora con Informazione Corretta.


Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT