mercoledi` 13 novembre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Chi sono veramente i palestinesi? Lo spiega lo storico Benny Morris (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






 
Zvi Mazel
Diplomazia
<< torna all'indice della rubrica
Il Kurdistan iracheno rivendica il diritto all’autodeterminazione 28/12/2010

Il Kurdistan iracheno  rivendica il  diritto all’autodeterminazione
di Zvi Mazel


Zvi Mazel

Il 12 dicembre 2010 Massoud Al Barazani, presidente  della regione semi-autonoma curda in Iraq,  ha pronunciato una dichiarazione  esplosiva  alla sessione d’apertura della 13° assemblea generale del Partito  Democratico Curdo ad Arbil, capitale della Regione:  il popolo curdo ha diritto all’autodeterminazione,   e l’identità curda della città di Kirkuk non può essere  messa in discussione.  Non ci sono state reazioni  immediate da parte del Presidente dell’ Iraq, né del Primo Ministro, né del Presidente del Parlamento  nazionale, tutti  presenti all’assemblea,   ma  è sorta poi una tempesta politica che non dà segno di calmarsi.    Barazani  ha aggiunto che i Curdi sono una nazione a sè stante e che il loro diritto all’auto-determinazione  è  lampante,  sulla  base  dei trattati  internazionali  che riconoscono tale diritto a ogni popolo.  L’ implementazione di tale diritto è ora l’obbiettivo immediato del Partito.

Il Primo Ministro della Regione del  Curdistan  Barham Salah,  uno dei capi del Partito di Unità Nazionale  Curda  il cui  presidente è  Jallal Talabani,  presidente dello  Stato Iracheno (perché in Iraq, come in Libano, le massime cariche istituzionali sono suddivise su base etnico-religiosa,  dunque il  Presidente dello Stato  è  curdo, il Primo Ministro è musulmano sciita, il Presidente del Parlamento è musulmano sunnita),   si è subito dichiarato d’accordo.  Salah ha sostenuto che tale diritto naturale del popolo curdo è  compatibile con la costituzione irachena.    La Costituzione asserisce che l’unità dell’Iraq è basata sulla volontà delle sue componenti etniche: se una di queste componenti non vuole più far parte  dell’Iraq,  ha il diritto alla secessione.  Un altro oratore ha poi dichiarato che il diritto all’autodeterminazione è stato  l’obiettivo primario del Partito Curdo d’Unità Nazionale fin dal 1985,  quando  iniziò  la guerra  per l’indipendenza  fra le montagne  del  Kurdistan. 

Dopo queste dichiarazioni concordi  dei due principali partiti  curdi,  entrambi nella coalizione di governo,  dichiarazioni  di sostegno sono state pronunciate anche  dai partiti curdi di opposizione, dai sindacati,  da istituzioni islamiche e da  personaggi eminenti del mondo parlamentare, culturale e politico  curdo,  da ogni parte dell’arco politico.  E’ chiaro che i curdi iracheni sono concordi nella richiesta di auto-determinazione.   Alcuni oratori hanno ricordato che i curdi furono  aggregati   forzosamente all’Iraq quando  gli Inglesi  crearono  il paese, e che è giunto il momento di  costituire un proprio stato autonomo; altri  che il 98,5%  della popolazione della regione ha scelto l’auto-determinazione nel referendum  di pochi anni fa.  Le organizzazioni rappresentative  delle minoranze regionali,  cristiani e  turcomanni,   si sono dette entusiasticamente d’accordo.   Il Segretario Generale   del  Partito Turcomanno ha dichiarato: ‘noi Turcomanni siamo parte del popolo curdo,  perciò aderiamo di cuore alla dichiarazione del presidente Barazani sull’auto-determinazione’,  e questo diritto – ha aggiunto  - è basato sul fatto che i curdi sono un popolo a sè, con  caratteristiche nazionali, storiche e geografiche proprie.  Il portavoce del Partito Assiro  (cristiano)  ha dichiarato che i curdi, in quanto nazione,  hanno il diritto all’auto-determinazione come ogni altra nazione.   Ahmed Chalabi, capo del Congresso Nazionale Iracheno (sostenuto dagli Americani in passato,  quando chiedeva  che venisse rovesciato  Saddam Hussein,  ma non più ora) ha detto che  gli oppositori iracheni di  Saddam Hussein  in esilio si erano riuniti a Vienna nel 1992 e avevano accettato  - fra le altre cose – il diritto dei curdi all’auto-determinazione.

Le reazioni ufficiali a Bagdad  sono state  deboli ed esitanti.  Il governo ed i capi  dei partiti di governo - per lo più sciiti - hanno taciuto.  Il Presidente iracheno Talabani – curdo - ha  preferito non rilasciare dichiarazioni,  mentre gli altri membri del suo Partito d’Unità Nazionale Curda  si dichiaravano d’accordo con Barazani.  Il Primo Ministro Al Maliki,  che per mettere insieme un governo ha bisogno anche dell’appoggio curdo al parlamento nazionale,  è rimasto zitto.  Neppure  i grandi partiti sciiti si sono pronunciati.

La ‘Lista per l’Iraq’ di Iyad Allawi  ha espresso il proprio dispiacere in un comunicato che invita i curdi a ‘prendere le distanze’ da dichiarazioni che  possono ‘mettere a repentaglio l’unità del paese’. Il  comunicato affronta anche la questione di Kirkuk,  dicendo che ‘ Kirkuk è un limite  che nessun partito deve valicare e tutti debbono rispettare’.  La ‘Lista per l’Iraq’,  che è laica e raccoglie sia  sciiti che sunniti,  ha avuto la maggioranza relativa alle elezioni di marzo 2010, ma non ha abbastanza deputati  per  governare.   Dopo lunghe e faticose negoziazioni  Allawi ha dovuto accettare  che a formare il governo fosse il Primo Ministro uscente, Nuri al Maliki,  che è riuscito a mettere insieme una coalizione di maggioranza di cui anche Allawi fa parte. Allawi ha avuto  la presidenza del Consiglio di  Sicurezza,  che dovrebbe gestire  i rapporti internazionali e  le questioni di sicurezza nazionale.  Come unico rappresentante del partito misto sunnita-iracheno  in un  governo fondamentalmente sciita,  Allawi – lui stesso sciita -  ha potuto esprimersi contro il danno che i curdi  arrecano all’unità del Paese,  mentre Nuri al Maliki non lo può fare.   Il partito filo iraniano sciita ed estremista di Moktada Al Sadr  ha invece condannato la dichiarazione ‘che rovina l’unità nazionale’.

Se il governo non si è pronunciato, i partiti  sunniti all’opposizione hanno protestato a gran voce.  Un portavoce del partito Baath  ha dichiarato che la le parole di Barazani sono un sostegno alla politica degli occupanti  americani che vogliono la divisione dell’Iraq, e sono state pronunciate proprio mentre  in Sudan  un complotto israelo-americano vuole fare a pezzi il paese favorendo la secessione  del Sud nel referendum di gennaio.  Ha anche accusato la  Lega Araba di non far nulla per impedire  che la Nazione Araba sia smembrata.  Altri rappresentanti  di organizzazioni politiche religiose sunnite hanno detto che non saranno mai d’accordo  a dividere l’Iraq e che sono pronti a combattere.   

La questione di Kirkuk è fra le più spinose. La città aveva una popolazione a maggioranza curda,  ma molti curdi furono obbligati ad andarsene  all’epoca di Saddam,  per essere sostituiti da arabi.  Dopo la prima guerra del Golfo del 1991  gli Americani e gli Inglesi hanno imposto sulla regione curda una ‘zona di non sorvolo’  per  proteggere i curdi da  Saddam  e permettere che tornassero alle loro case.  Questa protezione  aerea ha permesso alla regione curda di rifiorire.  Con l’aiuto degli Stati Uniti furono create istituzioni di governo  e un esercito locale, quello dei Peshmerga, e l’economia migliorò rapidamente.  Il Kurdistan iracheno divenne uno stato nello stato.  Alla caduta di Saddam durante la seconda guerra del Golfo i curdi iniziarono ad espellere gli Arabi da Kirkuk.  Il nuovo governo nazionale, creato dagli Americani,  condannò aspramente l’espulsione,  tanto più  che attorno a Kirkuk  ci sono enormi giacimenti di petrolio, pari al 4% delle risorse mondiali.  Dopo lunghe discussioni si decise di inserire l’articolo 140 nella costituzione irachena.  Secondo l’articolo 140 si sarebbe dovuto fare il censimento della popolazione,  quindi tenere un referendum  oppure proseguire i negoziati per decidere la sorte  di Kirkuk.  Ma il censimento non è  stato fatto, per cui il problema  non  è risolto.

Altre  questioni aperte  fra il Kurdistan e il governo centrale iracheno sono

a)     La distribuzione delle risorse del bilancio nazionale;

b)     Il diritto del governo regionale del Kurdistan  di stipulare  direttamente contratti con aziende all’estero per lo sfruttamento delle risorse  minerarie;

c)      L’inclusione dei Peshmerga  nell’esercito nazionale, che i curdi rifiutano.

Kirkuk  è sicuramente il problema più difficile, e le dure dichiarazioni da entrambe le parti indicano che la violenza può esplodere da un momento all'altro.

Dopo la dichiarazione di Barazani il governo del Kurdistan ha ordinato alle unità dei Peshmerga di unirsi  in un esercito unico, formando  quattro reggimenti.  I Peshmerga  fino ad ora erano il braccio armato di due partiti locali che si erano coalizzati nella rivolta del 1981.  L’esercito  curdo raggiungerà così  20 reggimenti:  un forza considerevole.   Si tratta di una mossa che indica la determinazione del governo regionale curdo a prepararsi per il peggio.

Le dichiarazioni ufficiali del governo curdo cercano di ammorbidire la crisi.  I curdi hanno diritto all’autodeterminazione, dice il governo, ma questo non significa che vogliano la secessione;  i curdi ‘vogliono rimanere nell'ambito dello stato iracheno’.

E’ ragionevole pensare che i Curdi approfittino dell’impotenza del governo centrale per rafforzare le proprie posizioni.  Vedono  un’occasione unica per strappare a Maliki - che ha bisogno dei loro voti per  formare il governo -  il massimo delle concessioni possibili.  Hanno stilato una lista in 19 punti , inclusi quelli di cui sopra, per accettare di sostenere il suo governo.  Senza l’ appoggio dei curdi non si può fare il  governo iracheno.  La scorsa settimana Maliki ha presentato il nuovo governo, composto di 42 ministri,  di cui soltanto 33 già nominati.  Maliki per ora ha tenuto per sé i portafogli più delicati,  fra cui la Difesa,  perché non riesce a mettere d’accordo i partiti.  I curdi hanno avuto 6 ministeri,  ma  le contrattazioni non sono finite.   Le questioni più gravi  non sono state affrontate, le discussioni più difficili sono ancora da fare.

La questione curda ha implicazioni  a largo raggio.  Gli stati vicini,  Turchia, Iran e Siria -  vedono con grande preoccupazione il risveglio curdo in Iraq.  Hanno ampie minoranze curde al loro interno  prive di  indipendenza,  e  tutte reclamano almeno  una qualche  autonomia.   Ci sono stati in questi paesi scontri sanguinosi con le minoranze curde.  Se i curdi iracheni diventano indipendenti o largamente autonomi,  le minoranze oltre confine potrebbero avanzare le stesse rivendicazioni.  Lo stesso potebbero fare  altre  larghe minoranze del mondo arabo  che non sono soddisfatte della propria situazione,  come i Berberi in Algeria e Marocco,  o i Copti in Egitto.

La lotta curda per l’autonomia in Iraq potrebbe  avere un effetto domino in tutto il Medio Oriente.

(Zvi Mazel, già Ambasciatore israeliano in Romania, Svezia ed Egitto, è
membro del Jerusalem Centre for Pubblic Affairs and State)


Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT