mercoledi` 30 luglio 2014
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter


Clicca qui



Cartoline - Ugo Volli - Ugo Volli
Dopo la primavera... 31/05/2011

Dopo la primavera...



Si parla ancora di "primavera araba", di "rivoluzioni", l'ottimo Obama come sempre spinto da wishful thinking (quell'amabile espressione inglese che una trentina d'anni fa si traduceva con "pensiero desiderante") ha paragonato il ciclo di rivolte alla caduta del muro di Berlino e alla primavera di Praga. Ma di fatto i vari dittatori arabi fanno strage indisturbati dei loro cittadini a migliaia (e nessuno naturalmente organizza flottiglie, boicottaggi, manifestazioni). La guerra in Libia va avanti stancamente in maniera opaca. Ogni tanto ci annunciano per domani la caduta di Gheddafi, ma poi non succede niente. E ad aver subito un cambio di regime sono solo due stati filo-occidentali, l'Egitto e la Tunisia.

Lasciando da parte quest'ultimo staterello chiaramente marginale, che succede nella tradizionale capitale del mondo arabo, l'Egitto potente dai tempi dei Faraoni? "La gente non si sente sicura, tutti stanno comprando armi [...] Stiamo disintegrandoci, sul piano economico siamo messi male, politicamente siamo in un buco nero." Parola di El Baradei, candidato alla presidenza della Repubblica e beniamino della stampa internazionale che vedeva in lui (peraltro filo-iraniano e anti-israeliano) il possibile Gorbaciov della situazione (http://www.jpost.com/MiddleEast/Article.aspx?id=221660). Intanto, per non sbagliarsi, qualcuno ha pensato bene di fondare un partito nazista egiziano (http://www.jihadwatch.org/2011/05/arab-springtime-for-hitler-egyptian-group-announces-intent-to-form-nazi-party.html) . Ma in realtà non ce n'è bisogno, perché Hamas, incerta sugli sviluppi degli eventi in Siria, ha deciso di spostare il suo quartier generale proprio in Egitto (http://www.israelnationalnews.com/News/News.aspx/144604). E se non sono nazisti loro...

Nel frattempo avete letto dell'apertura del valico di Rafah e della libertà di movimento accordata ai terroristi nel Sinai. In realtà non c'è mai stata crisi umanitaria a Gaza e l'apertura del valico con l'Egitto ha un senso politico più che per i rifornimenti (http://www.jpost.com/Opinion/Editorials/Article.aspx?id=222894&R=R6). Certamente passeranno più armi ed istruttori e il pericolo per Israele aumenterà, anche perché la famosa tregua concordata fra Hamas e l'Autorità palestinese è già stata rotta e sono ripartiti i bombardamenti del territorio israeliano coi razzi (http://www.agi.it/english-version/world/elenco-notizie/201105280911-cro-ren1007-gaza_rocket_launched_first_in_almost_seven_weeks). Ma Hamas non si accontenta affatto e continua a chiedere l'apertura dei terminali con Israele, quelli che essa stessa usa bombardare (http://blog.thejerusalemfund.org/2011/05/what-opening-rafah-means-doesnt-mean.html). Il che significa fra l'altro che l'ennesima flottiglia anti-israeliana partirà comunque, nonostante l'apertura del confine egiziano e l'appello dell'Onu, guidata come sempre dall'IHH, organizzazione terrorista turca vicina ad Al Qaeda (http://occupiedpalestine.wordpress.com/2011/05/30/freedom-flotilla-ii-press-release-30-may-2011-ihh-humanitarian-relief-foundation/).

Ditemi voi, ora, con tutto l'ottimismo della volontà che vi riesce. C'è stata una primavera araba? A chi è servita? Aiuta la pace o la danneggia?

Ugo Volli

www.jerusalemonline.com