lunedi` 06 luglio 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Che cos'è il sionismo? Un video per capire da guardare e diffondere (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






 
Ugo Volli
Cartoline
<< torna all'indice della rubrica
Avvoltoi, pescecani e altre stregonerie 05/01/2011

Avvoltoi, pescecani e altre stregonerie



Cari amici, ma c'è ancora qualcuno di voi così superstizioso da credere che gli israeliani non siano creature del demonio, maghi e stregoni che odiano l'umanità, come giustamente sostiene il giornale dell'Autorità Palestinese? (questa ve l'ho già insegnata: http://www.israelnationalnews.com/News/News.aspx/141420). O qualcuno che dubiti che i veri assassini di cristiani in Egitto (e naturalmente anche altrove, in Iraq, in Nigeria, nel Pakistan) siano il Mossad e l'entità sionista (http://it.notizie.yahoo.com/6/20110103/twl-egypt-cleric-blames-israeli-and-us-i-f2e1b63_1.html)? Guardate che l'ha detto anche una fonte autorevolissima come Abu Omar, sapete, quella innocente pecorella che abitava a Milano aiutando i suoi fratelli a fare turismo religioso (ma armato, naturalmente, sono posti pericolosi) in Afghanistan ed è stato criminalmente rimpatriato a casa sua in Egitto dai servizi segreti americani con la collaborazione dei nostri, così duramente represso che va in giro a fare dichiarazioni sull'attualità politica, naturalmente acute da par suo (http://pozzolo-formigaro.virgilio.it/notizielocali/Egitto-Abu-Omar-accusa-Cia-e-Mossad-per-lattentato-di-Alessandria-27707828.html). Non ci credete proprio?  Ancora? Siete proprio incorreggibili.

Be', come sapete io sono buono e cerco di recuperare le pecorelle eurarabe smarrite, e dunque vi racconto un'altra storia. Anzi prima ve ne richiamo una e poi vi racconto quella nuova. Vi ricordate che qualche settimana fa il governatore egiziano del Sinai meridionale acutamente individuò il pescecane che minaccia i bagnanti a Sharm el Sheik come una provocazione israeliana, una congiura del Mossad (http://www.ilsecoloxix.it/p/mondo/2010/12/07/AMJXz2LE-squali_killer_mossad.shtml)?  Ve ne avevo parlato. Ma forse non avevo sottolineato il fatto che per utilizzare gli animali nella guerra bisogna essere stregoni, creature del demonio. Non avete mai sentito parlare dell'"anello di Re Salomone" che permette di parlare con gli animali? Konrad Lorenz gli dedicò anche un libro. Ecco, lo sanno tutti che Salomone era un  capo del Mossad che usava come agente quella Saba che pretendeva di essere una regina.

Comunque, ormai è dimostrato. I Sauditi hanno appena arrestato un avvoltoio agente del Mossad. Un avvoltoio. Che fosse un israeliano si deduce dalla sua ferocia e dall'alimentazione a base di cadaveri. Non solo. Pensate che questi sionisti hanno avuto la faccia tosta di mettergli alla zampa un anello (forse quello di Salomone?) con il marchio dell'università di Tel Aviv (pardon, periferia di Jaffa occupata) e perfino un chip GPS, che individua cioè le posizioni. (http://www.israelnationalnews.com/News/News.aspx/141529) Voi mi dite che mettere gli anelli col GPS agli uccelli è una pratica protezionista utilizzata da tutti gli ornitologi per tracciarne l'attività e che gli avvoltoi sono una specie rara e protetta in tutto il Mediterraneo civile (per esempio anche in Spagna, oltre che in Israele)? Ma siete proprio incorreggibili. Sono tutte balle. E' un uccello spione, questo è sicuro. Anche voyeur, ci sono testimoni che dimostrano che guardava libidinosamente i burka (o nikab, non lo so) delle brave saudite nella loro gabbia.

Sappiate che i grandi poliziotti dell'Arabia Saudita sono andati a scuola dal capo della polizia del Dubai (quello che pretendeva di aver individuato con la televisione gli agenti del Mossad che avrebbero ammazzato l'anno scorso un dirigente terrorista, ma non ne ha arrestato uno che sia uno; avete più sentito parlare di questa storia?). E quindi sono diventati bravissimi, acutissimi, quasi telepatici. Pensate che sono stati in grado di ricavare dagli indizi perfino il nome della spia aerea israeliana. Si chiama R65, il che è una prova evidente di spionaggio (tutte le spie hanno numeri al posto dei nomi, no? Vi ricordate l'agente 007; per una semplice questione aritmetica R65 è almeno nove volte più pericoloso). L'uccello israeliano al momento è sottoposto a stringenti interrogatori, ma si rifiuta di parlare, col pretesto che è un uccello e non sa l'arabo: prova in più che è una spia di alto livello. Resistente, Coriacea. ma si piegherà, o finirà arrosto sugli spiedi di sua maestà il re locale. Resta comunque la magia e l'incantesimo. Ammetterete che non è normale usare le bestie per spiare. Ve l'ho detto gli israeliani se la fanno con pescecani e avvoltoi. E' chiaro, loro sono scimmie e maiali, lo dice il santo Corano. Non è ora di fare finalmente la pace in Palestina uccidendoli tutti? Loro e i loro uccelli della malora?

Ugo Volli


Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT