domenica 29 marzo 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Bernie Sanders contro Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






 
Ugo Volli
Cartoline
<< torna all'indice della rubrica
Ho paura e penso di aver ragione ad averne 02/01/2011

Cartoline da Eurabia, di Ugo Volli

"Ho paura e penso di aver ragione ad averne"


Ebbene sì, lo ammetto, sono islamofobo.
Sarà pure un reato o lo diventerà presto, ma come sapeva Don Abbondio, il coraggio uno non se lo può dare da sé, e che volete, a me gli islamici fanno paura.

Uno esce da una chiesa di Alessandria a mezzanotte di capodanno è gli fanno scoppiare un'autobomba. Non gli resta che morire in compagnia di altri 20. (http://www.corriere.it/esteri/11_gennaio_01/strage-alessandria_d6a3d35c-1581-11e0-8bc9-00144f02aabc.shtml). Se ne sta al mercato di Abuja in Nigeria, e si ritrova fatto saltare da una bomba senza auto, anche qui con morti e feriti a non finire. (http://www.corriere.it/esteri/11_gennaio_01/nigeria-bomba-morti-feriti-legge-islamica_f9809b34-1587-11e0-8bc9-00144f02aabc.shtml). Lavora in Danimarca a un giornale e gli arrivano dalla Svezia per ammazzare il più gran numero di persone (http://www.corriere.it/esteri/10_dicembre_29/danimarca-arresti-terroristi_572ad2cc-1353-11e0-8894-00144f02aabc.shtml). Per fortuna li beccano prima che agiscano. Di quel che fanno in Svezia, poi, è meglio non parlare (http://liberaliperisraele.ilcannocchiale.it/2010/12/20/la_svezia_saudita.html). Capite che posso aver paura?

Mi direte che è tutto un caso, che devo essere coraggioso, che si tratta di pochi estremisti, che la massa dei musulmani sono bravi diavoli come noi.
Eh già, parole d'oro. E come la mettiamo con quel padre che imponeva alla figlia di andare a scuola con i tappi nelle orecchie, perché avevano la folle pretesa di insegnarle la musica? Non le "diaboliche" canzone dei Rolling Stones e di Vasco Rossi, no, proprio il do-re-mi...
E con quel dirigente scolastico che ha accettato questo splendido compromesso per evitare che il padre semplicemente portasse la figlia via da scuola, purché non sentisse i suoni peccaminosi? (http://www.facebook.com/note.php?note_id=172707252761889&id=100000845332503).

Badate, non è questione di razze, non facciamo giochini sporchi, il razzismo non c'entra affatto. E' una questione di cultura, di insegnamento. E il loro è particolarmente velenoso. Non c'è nessun rapporto "etnico" fra gli arabi che hanno fatto saltare un'autobomba ad Alessandria d'Egitto e i pashtun dell'Afganistan. Sono solo gli uni e gli altri musulmani.
Ma se avete molto coraggio, e lo stomaco molto forte guardate questo video, in cui una massa di afgani esagitati ma organizzati di etnia pashtun (e di religione islamica), ammazza a sassate una coppia di adulteri (prima lei in una buca e poi lui senza protezione: http://www.facebook.com/note.php?note_id=172707252761889&id=100000845332503. Se avete paura o schifo di queste cose, come l'ho io, non costringetevi, pensate solo che  l'Iran è fiero del suo sistema di giustizia che prevede la lapidazione per l'adulterio.
Sapete chi l'ha detto? Javad Larijani, presidente del Consiglio iramiano dei diritti umani. (http://islamizationwatch.blogspot.com/2010/11/iran-proud-of-stone-age-justice-system.html). Capite cosa sono i diritti umani per loro? E, a proposito di diritti umani e di diritti per l'infanzia, guardate qui cosa fanno ai loro stessi bambini (http://www.wittgenstein.it/2010/12/17/un-vecchio-e-un-bambino/). Vi sembra normale? Non vi fa un po' paura?

Del resto sapete qual è la percentuale dei favorevoli alla lapidazione per adulterio? Eccola:
82% in Egitto, 70% in Giordania, 82% in Pakistan, 56% in Nigeria.
E i favorevoli alla pena di morte per quelli che lascino l'Islam per convertirsi a un'altra religione? Eccola:
Egitto 84%, Giordania 86% Pakistan 76%, Nigeria 51%. (http://pewglobal.org/2010/12/02/muslims-around-the-world-divided-on-hamas-and-hezbollah/#prc-jump). E sapete quanti studenti di religione islamica delle scuole inglesi pensano che sia giusto ammazzare la gente per l'Islam? il 32% (http://9-11domorethenneverforget-stopislam.blogspot.com/2010/12/32-of-british-muslim-students-support.html?utm_source=feedburner&utm_medium=feed&utm_campaign=Feed%3A+9-11DoMoreThenNeverForget-stopIslam+%289-11+Do+more+then+Never+Forget-Stop+ISLAM%29&utm_content=FaceBook) Non è male per gente che abita e studia nel pacifico e tollerante regno di Elisabetta II.
Di nuovo la razza non c'entra. Ma la cultura sì, o mi sbaglio? Non sono così pochi, no? Forse non è un caso se ammazzano la gente fuori dalla Chiesa e ai mercati, no?

Conosco le obiezioni. Anche i cristiani hanno sterminato gli eretici e bruciato i liberi pensatori e le streghe. Hanno smesso però da tre secoli almeno e nessuno può pensare che vogliano ricominciare.
Gli ebrei sembra che abbiano commesso vari crimini di guerra  nelle guerre contro i filistei, verso l'Ottocento avanti Cristo e anche nella campagna per la conquista della Terra di Canaan, trecento anni prima.
Non voglio discutere qui le ragioni e i torti teologici di questi fatti, solo notare che di anni ne son passato tremila circa. Loro continuano. Il cristianesimo e l'ebraismo, in maniera diversa, ammettono la divisione fra potere civile e religioso, loro no.
Gli ebrei hanno come fondamento teologico politico la liberazione degli schiavi dall'Egitto, i cristiani la crocefissione di un ribelle al potere romano.
Loro fondano la  loro storia su una guerra di conquista e sulle stragi di chi non stava con Maometto (tanto per cambiare fra i primi ad essere sterminati furono due tribù ebraiche). Da quella guerra non hanno mai smesso di combattere, ammazzare, sterminare, opprimere. Chiamano guerra (jihad) anche il loro percorso interiore verso la religione, che nel mondo cristiano è "ascesi", cioè esercizio (dal greco askeo, fare esercizio) e in ebraico "teshuvah", cioè ritorno.

Basta, avete capito. Potrei andare avanti per centinaia di pagine, ma la smetto. Non so voi, ma io ho paura, lo dichiaro apertamente..
Sono islamofobo. E penso anche di aver ragione.

Ugo Volli


Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT