giovedi` 12 dicembre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il negazionismo nel mondo arabo (Sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






 
Ugo Volli
Cartoline
<< torna all'indice della rubrica
Processo a Geert Wilders: quel che conta è che la corte olandese è giusta, tanto più giusta quanto più vicina alle vie del Profeta 18/02/2010

Processo a Geert Wilders: quel che conta è che la corte olandese è giusta, tanto più giusta quanto più vicina alle vie del Profeta


Geert Wilders

Piccola notizia da Eurabia (sezione giuridica). Sapete, cari amici, c'è la giustizia retributiva e quella distributiva. La prima consiste nel dare a ciascuno il suo, per esempio il suo diritto. La seconda, più socialista, mira all'uguaglianza dei soggetti, quindi a togliere a chi ha. E' il modello Robin Hood, prediletto dai socialisti di tutti i colori.
Bene, anche il tribunale olandese che giudica Geert Wilders per l'orribile crimine di aver diffamato il Corano con il suo fil Fitna e con la sua azione politica, essendo giusto e saggio, privilegia la giustizia distributiva. Dato che Wilders è un chiacchierone, appartiene anche alla "clase parladora" (espressione di Donoso Cortes, il precursore riconosciuto del Fueher dei giuristi nazisti Carl Schmitt) dei parlamentari, ha deciso che in questo processo dovesse tacere lui e chi lo appoggia. Sicché dei 18 testimoni che Wilders aveva chiesto a sua difesa, quindici ne ha scartati e ne ha ammessi solo 3. Fonti bene informate dicono che a Wilders sarà imposto un bavaglio per impedirgli di disturbare il processo con le sue parole di autodifesa.
Alcuni maligni, fra cui gli avvocati del colpevole, interpretano queste decisioni della corte come un'avversione ai suoi danni, se non una premessa di condanna. Ma si sbagliano. Nel nome del Misericordioso, la corte lo è anche, e ha avviato un percorso di pentimento per il reo. Magari stando zitto capirà che l'Occidente è colpevole nei confronti del mondo arabo e lui ancora di più, e magari arriverà a quel giusto livello di contrizione che potrà trasformarlo in un Dhimmi (cioè in un membro di una minoranza religiosa tollerata) umile come si conviene. O magari potrebbe anche vedere la luce e rifiutare le erronee credenze che professa per entrare finalmente doive alberga tutta la luce e la pace, ovviamente nell'Islam.
Quel che conta è capire che la corte olandese è giusta, tanto più giusta quanto più vicina alle vie del Profeta. Cari amici, spero che questa storia sia di ammonimento anche per voi. Con i miei migliori saluti eurarabi, mi prosterno umilmente

Ugo Volli


Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT