Lo Stato Islamico è ancora una minaccia
Commento di Camille Eid
Testata: Avvenire
Data: 27/10/2020
Pagina: 16
Autore: Camille Eid
Titolo: Un anno dopo la morte di al-Baghdadi il Daesh (senza leader) è ancora vivo
Riprendiamo da AVVENIRE di oggi, 27/10/2020, a pag.16 con il titolo "Un anno dopo la morte di al-Baghdadi il Daesh (senza leader) è ancora vivo" il commento di Camille Eid.

Immagine correlata
Camille Eid


Il nuovo libro di Stefano Piazza, Luciano Tirinnanzi (Paesi ed.), indispensabile per capire il terrorismo islamico oggi

Un anno esatto fa, dopo alcune anticipazioni sui media, il presidente americano annunciava ufficialmente al mondo di aver ucciso il terrorista più pericoloso al mondo, Abu Bakr al-Baghdadi, in un'operazione condotta alcune ore prima dalle forze speciali statunitensi in Siria All'alba di quella domenica 27 ottobre, gli uomini della Delta Force avevano preso di mira, dopo un'attività di sorveglianza durata un paio di settimane, un edificio nei pressi del villaggio di Barisha, nella provincia nord-occidentale di Idlib, a pochi chilometri dal confine con la Turchia Secondo la ricostruzione presentata alla conferenza stampa di Donald Trump, l'autoproclamato "Califfo" si era riparato in un tunnel sotterraneo con i suoi tre figli, e poi si era fatto esplodere attivando un giubbotto esplosivo. Il fatto che il raid abbia avuto luogo in una regione controllata (ancora adesso) da una coalizione di milizie ribelli, alcune tra le quali vicine ad al Qaeda, aveva lasciato molti esperti a bocca aperta. Molti ipotizzavano, infatti, che il leader dell'organizzazione jihadista si nascondesse nelle sacche di resistenza del Daesh in Iraq, o quantomeno al confine tra Siria e Iraq, non tra i suoi rivali. A distanza di un anno, i misteri non accennano a esaurirsi. A partire dalla sorte del successore di Baghdadi. Nelle ore seguite alla morte del suo leader, il Daesh aveva diffuso il nome Abu Ibrahim al-Hashimi al-Quraishi, un nome di battaglia dietro il quale le intelligence occidentali avrebbero identificato - il condizionale è d'obbligo - la figura di Amir Mohammed Abdul-Rahman al-Mawli al-Salbi, che conta diversi alias tra cui Ab 631 i miliziani del Daesh rilasciati il 15 ottobre dai curdi. Altri 253 hanno visto le loro pene dimezzate. Di Salbi si sa che era detenuto al Camp Bucca, lo stesso in cui era rinchiuso Baghdadi, e che aveva guidato nel 2014 la persecuzione contro la minoranza yazida di Sinjar, in Iraq. Ma in un anno intero Salbi non è mai comparso, né in pubblico né in messaggi audio o video. E possibile che il gruppo terroristico stia ancora cercando di riorganizzare le sue falangi dopo la perdita. L'ultimo messaggio del Daesh, diffuso dal suo portavoce Abu Hamza alQurashi esattamente nove mesi fa, invita i militanti a una «nuova fase» da lanciare, che aspetta solo di esplodere. Sbaglia, infatti, chi pensa che la morte del "Califfo" abbia segnato la fine di un'organizzazione che ha creato la prima forma di terrorismo statuale della storia Semmai, negli ultimi mesi il fenomeno Daesh è sicuramente passato in secondo piano sui mass media, a causa dell'esplodere della pandemia del Coronavirus. Ma la verità è purtroppo diversa. I miliziani che con ferocia avevano sparso terrore nel territorio si sono dati alla macchia o radunati in sacche di resistenza nel deserta Molti restano nelle carceri dei curdo-siriani. Molti ne sono stati rilasciati per l'amnistia generale decretata dalle autorità curde il 15 ottobre: un provvedimento che ha fatto molto discutere e che ha riguardato centinaia di membri siriani di medio e basso rango del Daesh e altri gruppi armati. Le autorità curde si sono giustificate asserendo di aver rilasciato soltanto coloro «che non si sono macchiati di crimini di sangue», ma il timore è che il Daesh possa trovare nuova linfa anche tra di loro. Nei fatti, il Comando centrale Usa e il Dipartimento della Difesa asseriscono, in un rapporto pubblicato recentemente, che gli attacchi del Daesh sono aumentati nel periodo aprile-giugno 2020. Di pochi giorni fa, per limitarci all'ultima settimana, gli scontri registrati nella provincia di Hama tra i miliziani del Daesh e le forze governative siriane. In Iraq, sempre nei giorni scorsi, si sono segnalati attacchi dei jihadisti contro diversi villaggi a sud di Kirkuk, poi nella provincia di Salahuddin e persino vicino a Baghdad. Senza parlare delle esplosioni "itineranti" nella zona sotto controllo curdo, da Manbij a Raqqa, e da al-Sabha (a sud dei Deir Ezzor, contro un convoglio della Coalizione internazionale) a Dashisha, sul confine iracheno.

Per inviare a Avvenire la propria opinione, telefonare: 02/6780510, oppure cliccare sulla e-mail sottostante
lettere@avvenire.it