Questo sito dispone di una versione ottimizzata per dispositivi mobili, clicca qui per utilizzarla.
mercoledi` 26 giugno 2019
Commenti & TG news watch
Deborah Fait
Diplomazia
Zvi Mazel
L'Islam dall'interno
Mordechai Kedar
Israele, ebrei & il mondo
Manfred Gerstenfeld
Israele/USA
Antonio Donno
Medio Oriente diritto e società
Giovanni Quer
Corsivi controluce in salsa IC
Diego Gabutti
Come la penso
Michelle Mazel
Antisemitismo Antisionismo
Giuliana Iurlano
Il contadino di Galilea
Andrea Zanardo
Israele/Analisi
Angelo Pezzana
Europa Germania
Benjamin Weinthal
Libri & Recensioni

Bat Ye'or - Eurabia - 20/06/2019




Seguici anche su:
20/06/2019 - Clicca qui
26.06.2019
Tre giorni della rabbia palestinese contro il piano di pace di Trump
Commento di Deborah Fait

Ismail Haniyeh, Khaled Meshaal, Yahya Sinwar
A questi aggiungiamo Abu Mazen
Immagine correlata

Si chiama "Pace e prosperità" la prima parte, quella economica, del piano di pace di Donald Trump per i palestinesi. Un enorme progetto che vede 50 miliardi di dollari da investire tra un futuro stato palestinese, la Giordania, il Libano e l'Egitto. Un'opportunità incredibile per i palestinesi, fiumi di soldi per rendere Gaza e la sua spiaggia una specie di città-vacanze, moderna e piena di vita come Tel Aviv, la Costa Azzurra, le spiagge della Sardegna. Fiumi di soldi per costruire ospedali, scuole, università, per rendere bella e serena l'esistenza dei palestinesi, per far vivere loro una vita piena di opportunità, di possibili scelte, di agiatezza. Case nuove, reti fognarie e condutture di acque reflue per ripulire Gaza e la parte dei territori cosiddetti palestinesi che faranno parte del nuovo stato, dalle immondizie e dall'inquinamento. Israele e gli USA sono pronti. I palestinesi no.
Non solo rifiutano...

Segue >>>



Brigitte Gabriel all'Onu difende gli ebrei e Israele sotto attacco (Sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)

 

Informazione Corretta - 25 giugno 2019

Informazione Corretta - 22 giugno 2019







Facebook Twitter